Zero waste in bagno : 6 prodotti per cominciare

Nel post precedente, abbiamo fatto una piccola riflessione su come e perché avere un bagno zero waste. Ti ho dato qualche spunto e, prima di lanciarti, ti ho consigliato di pensarci bene e di fare con calma.

 

Dopo la teoria, passiamo alla pratica! In questo post ti propongo qualche alternativa per sostituire i prodotti tradizionali con dei prodotti zero waste. Mi sono concentrata su sei prodotti, prodotti che sono secondo me indispensabili per la cura del corpo (e l'igiene ovviamente).

 

Avanti quindi con il bagnoschiuma, lo shampoo, il dentifricio, il deodorante, i dischetti e i cotton fiocc!

IL SAPONE

 

Quello che ti sto per dire sicuramente non ti stupià ma, per lavarti puoi usare il sapone... E’ abbastanza ovvio ma purtroppo ce lo siamo dimenticati e preferiamo usare il bagnoschiuma. Quindi per il corpo, come per le mani e il viso, uso una saponetta. Con un solo prodotto faccio tutto! Attenzione però a scegliere bene la tua saponetta. Se hai la pelle sensibile come me, prendila bio ovviamente, ma anche senza profumo. Poi dai un’occhiata all’imballaggio… Una saponette in un busta di plastica non ha senso, credo. In alcuni negozi bio o equo solidale, la puoi comprare sfusa. Se non la trovi sfusa, cercala con un imballaggio di carta/cartone.

Ci sono tante aziende e piccoli produttori che fanno degli ottimi saponi ma spesso uso le saponette della Saponaria che trovo sfuse oppure saponette che compro, sempre sfuse, in un negozio equo solidale (Corto Maltese a Modena).


LO SHAMPOO SOLIDO

 

Per sostituire lo shampoo classico, forse, qualche tempo fa era più difficile e spesso bisognava farlo in casa. Ma grazie a dei marchi come Lamazuna, ormai è facile! Basta usare uno shampoo solido!  Lo shampoo solido si presenta come una saponetta, basta bagnarlo un po’ ed applicarlo direttamente sui capelli. E poi si fa come con lo shampoo classico! Può sembrare strano all’inizio perché siamo abituati ai prodotti liquidi che fanno tanta di schiuma ma credimi, funziona ed è ottimo! Poi, detto fra noi, è così comodo in viaggio : nessun problema di prodotto che esce dalle bottiglia e sporca tutto, nessun problema ai controlli in aeroporto...

 

Per quanto mi riguarda, ho sempre usato lo shampoo solido di So champs (marca francese) però nella mia riserva di prodotti ho quello di Lamazuna e spero di trovare presto quello di Pachamamai (sempre francese) e Ethical Grace (azienda italiana!).


IL DENTIFRICIO SOLIDO E LO SPAZZOLINO

 

Per i denti, per fortuna esistono delle alternative al dentifricio in tubo e allo spazzolino di plastica. Come per lo shampoo, ti consiglio un dentifricio solido! Si bagna lo spazzolino, si preleva un po’ di dentifricio e via con i denti. Di nuovo uso un dentifricio solido francese (Savonnerie Aubergine)… ma in Italia puoi trovare quello di Lamazuna (ancora). Per lo spazzolino, uso da anni uno con la testina cambiabile ma se non ne hai uno, puoi orientarti verso uno spazzolino di bamboo. Il legno è compostabile quindi quando arriva il momento di cambiare spazzolino, basta buttarlo nel compost (controlla se anche le setole sono compostabili. Non lo sono tutte).


I DISCHETTI LAVABILI

 

Che sia per struccarti, lavarti il viso, togliere la maschera… i dischetti lavabili sono perfetti! Si usano come i dischetti classici, o per sostituire le salviettine (per favore, le salviettine no…). Basta lavarli dopo ogni uso. Per quanto mi riguarda, non perdo tempo a lavarli a mano o a fare partire una lavatrice per 5 dischetti, li metto con il mio bucato normale. Per me, sono diventati veramente indispensabili. Da ormai 6 anni credo, uso i dischetti di Les tendances d’Emma (che puoi combrare online su eccoverde.it), e sono quasi come nuovi! I miei sono di cotone ma esistono anche di bamboo o di eucalipto. E se ti servono dei dischetti soltanto per struccarti, prova i dischetti Lamazuna : si usano solo con l’acqua. Testi e approvati 5 anni fa!


IL DEODORANTE

 

Il deodorante classico è un prodotto che ho ben presto sostituito, prima con un’alternativa bio (per motivi di salute) e poi con un ‘alternativa zero waste. Se ti posso dare un consiglio, abbandona il tuo deodorante spray. Avrà sicuramente una composizione non simpatica per il tuo corpo e non è proprio un amico per il nostro pianeta. Come alternativa, scegli un deodorante solido (sono ripetitiva?) come quello di Lamazuna o So champs. Se è introvabile o se non ti convince, scegli allora un deodorante in crema controllando che il contenitore sia di vetro. Per esempio, Clémence e Vivien propone un ottimo deodorante bio in un barattolino di vetro. Sinceramente quello verde è il mio preferito!

 


L'ORICULI

 

Dietro questa parola strana, simpatica o assurda, dipende dai punti di vista, si nasconde un oggetto sconosciuto da noi ma famoso in Giappone. L’oriculì è un bastone di legno utilizzato per pulire le orecchia. Si usa come un cotton fiocc, si lava e si riutilizza all’infinito! Lo trovate in Giappone (ehhe) se ci andate, oppure da Lamazuna.

 

Come puoi vedere, diventando zero waste non ho rinunciato a niente. Mi lavo i denti come tutti, mi lavo i capelli regolarmente e uso un deodorante per il bene di tutti. Ho semplicemente scelto i prodotti adatti.

 

Adesso se vuoi lanciarti, puoi trovare la maggior parte dei prodotti nei negozi bio oppure online.

 

 

Scrivi commento

Commenti: 1
  • #1

    Federico (lunedì, 05 marzo 2018 16:47)

    Brava, ottimi suggerimenti! Anche io sono diventato zero waste in bagno, usando i tuoi stessi trucchi. :-) Ho scritto un articolo in merito, anche se per ora mi sono concentrato sulla pulizia dei denti: https://effederico.net/igiene-orale-senza-plastica/
    Ci trovi altri prodotti rispetto a quelli che hai citato tu, basta cercare un po' e si scoprono tante alternative...! :-)